ABC degli ormoni: la tiroide

La tiroide è una piccola ghiandola a forma di farfalla situata nella parte anteriore del collo. La tiroide fa parte del sistema endocrino, ovvero quell’insieme di ghiandole a secrezione che ha la funzione di produrre gli ormoni che vanno a controllare molte delle funzioni del tuo corpo, fra cui per esempio il metabolismo e il ciclo mestruale.

Come funziona la tiroide

La tiroide è situata appena sotto la laringe, vicino alla base del collo e ha il compito di rilasciare gli ormoni nel flusso sanguigno, che li trasporterà poi attraverso il corpo. In tutto, la tiroide produce tre ormoni: la calcitonina, la triIodotironina e la tiroxina o tetraiodotironina.  

  • La calcitonina gioca un ruolo fondamentale nel metabolismo del calcio: contribuisce al deposito del calcio nelle ossa.
  • La triiodotironina e la tiroxina (per gli amici rispettivamente T3 e T4) hanno invece l’importante compito di regolare il metabolismo, ovvero quell’insieme di processi chimici che contribuiscono a scomporre ciò che mangi per trasformarlo in energia. Gli ormoni tiroidei giocano quindi un ruolo essenziale nei processi di ingrassamento o dimagrimento. Inoltre, possono influenzare la velocità del battito cardiaco, la profondità della respirazione, la temperatura corporea e i livelli di colesterolo. Nelle donne, influenzano anche la regolarità del ciclo mestruale.

Se noti di ingrassare o dimagrire in maniera “strana”, ovvero indipendentemente da quello che mangi, oppure se noti di avere il ciclo irregolare, è sempre bene controllare i valori di T3 e T4 per verificare che sia tutto a posto. Infatti, la ricerca dimostra che più del 12% della popolazione nell’arco della vita incontrerà qualche problema con la tiroide, e nelle donne questa percentuale è ancora più alta!

Quando la tiroide non funziona come dovrebbe

A volte, purtroppo, la ghiandola tiroidea sviluppa qualche problema. Potrebbe per esempio iniziare a produrre troppi o troppo pochi ormoni, oppure potrebbe ingrandirsi o sviluppare dei noduli. I problemi tiroidei più comuni includono:

Ipotiroidismo 

Si verifica quando la tiroide non produce abbastanza ormoni. Questa condizione rallenta il metabolismo, causando un aumento di peso ma anche una sensazione di affaticamento o addirittura depressione. A volte l’ipotiroidismo è causato da una condizione chiamata morbo di Hashimoto: si tratta di una condizione che ha origini autoimmuni ed è dovuta allo sviluppo di anticorpi contro le cellule tiroidee.

Ipertiroidismo

Se ti senti irritabile, dimagrisci improvvisamente, il tuo cuore batte forte e ti senti debole, la tua tiroide potrebbe produrre troppi ormoni. L’ipertiroidismo è spesso il risultato di un’altra condizione autoimmune, nota come Morbo di Graves.

Gozzo tiroideo

Con il termine gozzo (o struma) si intende qualsiasi tipo di rigonfiamento della tiroide. A volte si nota un notevole rigonfiamento del collo; altre volte, può causare sintomi più difficili da collegare alla tiroide come tosse o voce roca. Un gozzo può essere causato anche dalla carenza di iodio, un elemento di cui la tiroide ha bisogno per funzionare correttamente. Proprio per evitare carenze di questo importante minerale in gran parte del mondo occidentale viene aggiunto al sale da cucina che si trova in commercio.

Noduli

Si tratta di escrescenze sulla ghiandola tiroidea. A volte possono far sì che la tiroide produca troppi ormoni e, in alcuni casi, possono essere maligni. Per questo è importantissimo includere la tiroide in tutti i tuoi screening di prevenzione, in particolare dopo i 40 anni!

Se stai riscontrando uno qualsiasi dei sintomi qui sopra, parlane con il tuo medico di fiducia che ti prescriverà tutti i controlli necessari.

Healthy tips per una tiroide sana

Come abbiamo già detto, il modo migliore per prevenire le disfunzioni della tiroide è assicurarsi il giusto apporto di iodio: e il modo più semplice ed economico è senz’altro quello di usare il sale iodato quando cucini o condisci il cibo.

Oltre allo iodio, ci sono degli alimenti che contribuiscono alla salute della tiroide, tra cui:

  • Proteine magre e fagioli
  • Frutta e verdura ricca di antiossidanti, come mirtilli, peperoni e pomodori
  • Alimenti ricchi di fibre 
  • Grassi salutari per il cuore come gli omega-3

Aggiungi anche questi nutrienti alla tua dieta:

  • Vitamina D. Livelli insufficienti di vitamina D nel sangue sono stati collegati alla malattia di Hashimoto. La trovi in: latticini, funghi e uova e si produce attraverso l’esposizione alla luce del sole
  • Il selenio è un altro minerale che aiuta la ghiandola tiroidea a funzionare al meglio. Lo trovi in: noci del Brasile, semi di girasole, tonno, granchio e aragosta
  • Vitamina B12, presente in alimenti come molluschi, sardine, salmone, fegato, latticini, cereali fortificati e lievito alimentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *